Un milione di Babbi Natale è l’albo illustrato nuovo di zecca di Hiroko Motai e Marika Maijala che sta facendo molto discutere e che ha diviso gli appassionati del genere. La storia nasce per rispondere alla domanda che i nostri bambini, ad un certo punto, ci fanno: “Ma Babbo Natale esiste davvero?” Per gli autori la risposta è NO!

Quelli a cui non piace l’albo dicono che non è giusto infrangere il mito di Babbo Natale ai bambini di 4 anni, età di riferimento per questa lettura. Si privano i bambini della magia del Natale quando sono ancora davvero piccoli e potrebbero godere di questo incanto per molti anni ancora. Altri sostengono che al centro di questo albo non ci sono tanto i Babbi Natale ma i regali e che la storia fa passare un messaggio consumistico del Natale punto e basta.

Altri preferiscono non entrare nell’agone e sottolineano solo la novità della storia rispetto alle altre a tema natalizio che si trovano in commercio. Altri ancora consigliano questo libro per rispondere alle insistenze dei bambini che vogliono sapere togliendosi dall’imbarazzo.

E io da che parte sto? Prima vi faccio io riassunto, e poi ve lo dico.

Un milione di Babbi Natale
Clicca sull’immagine per comprare l’albo illustrato

Il riassunto

Un tempo sulla terra vivevano poche persone e, siccome c’erano anche pochissimi bambini, Babbo Natale riusciva a portare i regali in tempo a tutti. Poi le persone hanno iniziato ad aumentare e il lavoro di Babbo Natale si è enormemente complicato. Pensate che fatica portare in spalla un sacco sempre pesante! Senza contare la fatica delle povere renne!

Come fare allora? Babbo Natale chiese a Dio di affiancargli un altro Babbo Natale e, PUFF, ecco due Babbi Natale a dividersi il lavoro!

Ma anno dopo anno i bambini aumentarono ancora e i due Babbi Natale si trovarono punto e a capo. Tornarono quindi da Dio e gli chiesero di duplicarli. Dio decise di accontentarli e, PUFF, ecco quattro Babbi Natale!

Ma la popolazione mondiale continuò a crescere e i Babbi Natale non ebbero altra alternativa che tornare da Dio. Questa volta, però, gli chiesero di farli diventare un milione! Anche questa volta, Dio esaudì i loro desiderio.

C’è un problema, però: ogni volta che raddoppiavano, i Babbi Natale dimezzavano la loro statura e, arrivati a un milione, erano diventati così piccoli ma così piccoli da non riuscire a spostare neanche un pacchettino!

Pensa che ti ripensa, ecco la soluzione: i minuscoli Babbi Natale si infilarono nelle orecchie degli adulti e sussurrarono

Fate un regalo a ogni bambino!

E così da quella volta gli adulti fanno i regali ai bambini, continuando a obbedire alle vocine che sussurrano nelle loro orecchie.

Un milione di Babbi Natale 1

La mia recensione

Avete già capito che Un milione di Babbi Natale risponde alla domanda che tutti gli adulti prima o poi si sentono fare smitizzando la figura di Babbo Natale. Io non lo metterei in croce per questo e nemmeno per la piega consumistica che alcuni leggono nella storia.

I bambini piccoli aspettano il Natale per i regali, diciamocelo! Non è che evitando storie che parlano di regali a loro passa la voglia di avere dei giochi nuovi. E se 4 anni sono pochi per smettere di credere a Babbo Natale, forse sono pochi anche per comprendere fino in fondo il senso autentico del Natale, che è un messaggio di amore e accettazione e condivisione con chi non ha nulla.

Penso che arrivi un momento in cui un bambino sceglie di credere o meno a Babbo Natale e quando pone la domanda: “Ma Babbo Natale esiste davvero?” sa già in cuor suo la risposta. Semplicemente vuole una conferma da parte dei genitori, che a questo punto hanno due possibilità, nessuna migliore dell’altra: prolungare la magia del mito di Babbo Natale oppure dire la verità.

Può darsi anche che questo albo vi capiti per le mani per caso e che metta ai bimbi la pulce nell’orecchio, stimolando la famosa domanda. Se i vostri bimbi sono pronti a sentirselo dire, non vedo perché non leggerglielo! Se invece capite (o desiderate) che i vostri figli continuino a credere in Babbo Natale… passate oltre senza indugio.

Le tavole sono davvero belle, su questo credo che non riusciamo a dividerci in fazioni.

Un milione di Babbi Natale 2

La scheda editoriale

  • Titolo: Un milione di Babbi Natale
  • Autrice: Hiroko Motai
  • Illustratrice: Marika Maijala
  • Casa editrice: Terre di Mezzo
  • Età di lettura: da 4 anni
  • Consigli di lettura: a chi è pronto a sapere la sporca verità su Babbo Natale!

Se vi ho incuriosito e volete leggere Un milione di Babbi Natale, potete cercarlo nello scaffale basso delle biblioteche pubbliche e chiederlo in prestito. In alternativa, potete acquistarlo su Amazon https://amzn.to/2IM07PY.

E se siete alla ricerca di libri e letture per bambini sul tema del Natale potete dare un’occhiata alla mia personalissima selezione di albi illustrati e racconti scelti tra i più belli attualmente in commercio.